“Usciamo dal bozzolo”: una casa editrice per bambini gestita da persone con disabilità psicomotorie

A Roma l ‘ associazione di volontari “La lampada dei desideri”,  ha lanciato il progetto “Usciamo dal bozzolo”: una casa editrice per bambini gestita da persone con disabilità psicomotorie. Il progetto  è nato da un’idea dell’associazione, che ha già raccolto circa 20mila euro grazie al crowdfunding. I disabili che sono coinvolti dall’associazione in progetti o laboratori sono circa sessanta spiega  Paola Fanzini: “Da noi ci sono ragazzi down, con ritardi mentali lievi o gravi, disabili motori, autistici. Andiamo dai 20 ai 65 anni e ad un certo punto è venuta l’idea di creare un audiolibro: Le avventure del lupacchiotto curioso. “Utilizzando la scrittura collettiva e il metodo di don Milani sono stati i nostri ospiti a creare la favola, inventando i personaggi, i dialoghi e la storia. Mentre quelli che non verbalizzano hanno disegnato le illustrazioni”, aggiunge la stessa Fanzini. L’iniziativa è piaciuta molto, e i volontari dell’associazione, visto l’interesse, hanno raccolto i fondi per dar vita a una vera e propria casa editrice: i 20mila euro basteranno per 6 mesi, per coprire i costi di stampa e distribuzione, per partecipare alle fiere di settore e per stipendiare i lavoratori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *