In un vicolo cieco – Linda Castillo

Gli Slabaugh sono una famiglia prospera e laboriosa della comunità amish. Ma un orribile incidente porta alla morte i genitori e lo zio, lasciando orfani i quattro ragazzi. Il capo della polizia Kate Burkholder, nata e cresciuta amish, sa che per loro sarà ancora più duro perdere l’innocenza e affrontare il dolore. E quando scopre che una delle vittime ha subito una ferita alla testa prima del decesso, si immerge con determinazione in un’indagine di omicidio, forse legato ai recenti casi di persecuzione della minoranza amish. I superiori le affiancano John Tomasetti, collega, amante e amico, e davanti a una nuova missione insieme, Kate sarà costretta a rendersi conto di quanta profondità ci sia nel loro rapporto e dove potrebbe portarli. Ma non è la sola superficie oltre la quale dovrà andare. Kate dovrà scavare anche nel suo passato di amish per trovare la forza di spezzare il silenzio di una comunità chiusa, protettiva, ostile a ogni intervento esterno, che nasconde molte verità insidiose.


È una storia che riesce ad interessare il lettore, grazie ai meccanismi della suspense e alla sintonia che si è ormai instaurata verso chi svolge le indagini. Nonostante siano svariati i “ vicoli ciechi” in cui si ritrovano le indagini, la narrazione non ha punti morti e procede tenendo viva l’attenzione del lettore, con colpi di scena ad effetto. Lo stile narrativo è perfettamente scorrevole. La soluzione del caso è, ancora una volta, più sconvolgente e movimentata di quanto ci si aspetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *