Salvini-scuola:”Non tre mesi di vacanza, ma una settimana al mese”

Salvini ritorna sul tema delle vacanze estive dei docenti, sostenendo che i tre mesi di pausa sono eccessivi ed anche un problema in uno periodo di crisi economica come questo che stiamo attraversando.

Queste le sue parole ad “Un Giorno da Pecora”, programma radiofonico di Rai Radio1:
“Tre mesi di pausa estiva nelle scuole, in un momento di crisi economica, sono un problema. Non per gli insegnanti ma per gli studenti e le famiglie. Io discuterei con tutto il corpo insegnante, perché quasi tutti gli altri paesi europei non hanno tre mesi di chiusura ma mettono una settimana di stop ogni due o tre settimane, durante l’anno scolastico, per permettere a studenti e insegnanti di tirare il fiato”. Così Matteo Salvini, ospite di Un Giorno da Pecora, il programma di Rai Radio1 condotto da Giorgio Lauro e Geppi Cucciari. Se lei andasse al governo, quindi, cosa farebbe da questo punto di vista? “Se fosse per me farei pausa una settimana al mese, così ti rilassi, e d’estate fai un mese e mezzo di chiusura”.
Secondo Salvini, dunque, le vacanze per i docenti dovrebbero essere un mese e mezzo, con delle pause nel corso dell’anno: una settimana al mese.
A rispondere al leghista, il ministro Bussetti che è stato ascoltato proprio in merito alle recenti dichiarazioni del vicepremier, Matteo Salvini, secondo le quali si dovrebbero accorciare le ferie estive per la scuola. Il ministro dell’Istruzione, come riporta Foggiatoday, ha replicato con un sorriso, aggiungendo: ‘Tre mesi di vacanza non sono troppi come dice Salvini, poiché sono vacanze per i ragazzi ma non per i docenti che sono impegnati in altre attività, ma anche su questo dovremo mettere più chiarezza e ordine.

La smentita arriva dalla Lega. “Non ho mai parlato delle ferie degli insegnanti – aveva detto Salvini in una recente intervista, riprende il Mattino -. Che l’Italia sia il Paese in cui la scuola garantisce tre mesi di vacanze consecutive, è un dato di fatto, ma ovviamente riferito agli studenti.

La frase corretta viene riportata dal quotidiano. “Per la scuola siamo l’unico Paese che fa tre mesi di vacanze consecutive all’anno e se non ci sono i nonni, si resta fregati”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *