Miur: indicazioni per la ripartizione dei fondi per le iniziative formative

Con la nota 47777/17, il Miur segnala gli obiettivi su cui convergere, tra cui quello di privilegiare i progetti formativi che utilizzino metodologie laboratoriali e favorire una progettualità pluriennale aderente ai bisogni della programmazione triennale realizzata attraverso i piani dell’offerta formativa (PTOF)

Nella nota – riporta la Flc Cgil – sono contenute le indicazioni per il raccordo tra le priorità nazionali e la progettazione territoriale, la formazione per le lingue straniere e l’integrazione con i percorsi metodologici CLIL della secondaria di II grado con i fondi della legge 440/97 stanziati per il 2017; completamento e rafforzamento della formazione linguistica per i docenti della primaria; connessione con le nuove modalità di rilevazione degli apprendimenti predisposti dall’INVALSI.

La procedura di rendicontazione

Prevede la relazione sul regolare svolgimento dei corsi e conclusione delle attività, corredata dalla specifica rendicontazione amministrativo contabile, la cui modulistica è allegata al DM 435/15Modalità informatiche di rendicontazione sono ancora in corso di studio, per cui dell’eventuale predisposizione verrà data comunicazione agli USR entro il mese di maggio 2018. Le attività devono essere svolte e rendicontate entro l’anno scolastico 2017/2018 e comunque non oltre il 30 novembre 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *