Miss Italia, Chiara Bordi si è classificata al terzo posto

La 18enne di Tarquinia (Viterbo) si è classificata al terzo posto, Chiara Bordi, la ragazza in concorso a Miss Italia con una protesi alla gamba sinistra in seguito ad un incidente in motorino, ha sfiorato il titolo di Miss Italia.

 Nei giorni scorsi la 18enne era stata insultata sui social: “Ti votano solo perché storpia”

 Chiara Bordi aveva  deciso di rispondere alle offese con un lungo post sul suo profilo Instagram: “A me mancherà pure un piede, ma a lei manca cervello e cuore”. La 18enne, vittima di un incidente in motorino 5 anni fa, sfilerà al concorso con una protesi alla gamba sinistra.

Nel finale di trasmissione, Francesco Facchinetti, che ha condotto  la finale in diretta su La7 insieme a Diletta Leotta, si è  rivolto  agli haters che sui social hanno insultato la ragazza dicendo loro: “Siete dei deficienti”. 

2 pensieri riguardo “Miss Italia, Chiara Bordi si è classificata al terzo posto

  • 18 settembre 2018 in 20:49
    Permalink

    Anch’io ho seguito il programma e giuro che non avevo neanche fatto caso alla protesi.
    Mi dispiace solo che l’ ingegneria Biomedica non abbia ancora inventato le protesi per il cervello, là dove viene a mancare. A certe persone gli salverebbe proprio la sensibilità e anche la vita che forse non hanno datosi che manca loro il cervello.

    Risposta
  • 19 settembre 2018 in 1:04
    Permalink

    Fino a quando delle persone viene notata solo la parte estetica saremo un popolo perso…..
    Le comunità vanno tutte rieducate con valori più profondi.
    Con alcune piccole modifiche strutturali societarie ci si può salvare….
    1) servizio civile obbligatorio.
    2) apprendistato a partire dai 14 anni nel periodo estivo o per coloro che nn sono /riescono a studiare.
    3) i genitori Vigilano ma nn entrano a scuola, la scuola si riappropria dell’autorità educativa, e formativa dell’ alunno.
    Tutto ciò regolata da una classe politica seria che si mette al servizio della collettività con uno stipendio al pari di un qualsiasi direttore generale di un’azienda di buone dimensioni.
    DOVE GIRANO TANTI SOLDI GIRANO TUTTI I PEGGIORI VIZI…..E L’UOMO SI SA NON VA TENTATO…..MA PROTETTO…..

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *