Ridefinire lo stile con cui stare in rete:15 maggio maratona contro la violenza delle parole O_Stili

L’occasione per ridefinire lo stile con cui stare in rete e magari diffondere il virus positivo dello “scelgo le parole con cura”, perché“le parole sono importanti”.

Le scuole superiori di Cagliari, Matera, Milano e Trieste saranno il 15 maggio a lezione gratuita di educazione digitale.

L’evento si incentrerà su ‘Condivido – Il Manifesto della comunicazione non ostile’, che continua un itinerario cominciato alcuni mesi fa con un convegno al quale è intervenuto anche la presidente della Camera, Laura Boldrini.

Le lezioni si svolgeranno in contemporanea tra UniCredit Pavilion di Milano, Università di Trieste, auditorium Gervasio di Matera e Fiera di Cagliari grazie al supporto di Fondazione Matera 2019, Regione FVG, Università di Trieste e Regione Sardegna.

Al centro della manifestazione ci sarà il Manifesto della comunicazione non ostile, carta che raccoglie i 10 principi proposti e votati dalla Rete negli scorsi mesi per ridurre, arginare e combattere i linguaggi negativi che si propagano facilmente in Rete, e che era stata presentata proprio alla Presidente della Camera Laura Boldrini e che è stata subito adottata in molte scuole italiane.

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming a tutte le scuole interessate. Per Rosy Russo, ideatrice di Parole O_Stili, “l’evento nasce dal desiderio di mostrare ai giovani che un altro modo di stare in Rete è possibile. Per un vero cambiamento è importante proporre dei modelli positivi, anche con leggerezza, come proveremo a fare noi con il contributo di tutti i partner e i personaggi pubblici che credono in questo progetto.

Scopo dell’iniziativa è, appunto, combattere i linguaggi ostili in rete; sarà presente tra gli altri la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli, e poi Paolo Ruffini, le cantanti Chiara Galiazzo e Lodovica Comello, un calciatore del Milan, il sito satirico Lercio e il direttore di Fanpage Francesco Piccinini. Parole O_Stili è la prima community in Italia contro la violenza nelle parole, della quale fanno parte oltre 500 giornalisti, manager, politici, docenti, comunicatori e influencer e capace di raggiungere oltre 7 milioni di persone su Fb e 5,5 su Twitter

Fonte: Orizzonte scuola

www.leparoleostili.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *